Conoscere le tre tipologie di errori umani per imparare da essi

Commenti | 2 commenti

erroreTutti commettiamo errori ma non sempre li capiamo o ne capiamo il perchè, così continuiamo a commetterli. La disciplina dell’interazione UOMO – MACCHINA, che studia anche i fattori umani all’origine degli errori e studia le strategie per prevenirli o per ridurne gli effetti, ci può aiutare a capire meglio gli errori che commettiamo.

Una classificazione del comportamento dell’uomo viene analizzata e proposta dal modello skill-rule-knowledge (SRK) realizzato dal Dottor J. Rasmussen.
 
Questo modello divide il comportamento umano in in tre tipologie che prevedono un livello crescente di complessità e quindi di attenzione e di impegno cognitivo.

Skill-based behaviour

È il comportamento di routine basato su abilità apprese per le quali l’impegno cognitivo è bassissimo ed il ragionamento è inconsapevole, automatico.
 
La persona reagisce allo stimolo quasi istantaneamente eseguendo un’azione legata ad una procedura ben interiorizzata.

Rule-based behaviour

Il comportamento è guidato da regole di cui la persona dispone per eseguire compiti noti.
 
La persona riconosce la situazione ed applica la procedura giusta per eseguire il compito, quindi esegue una serie di azioni mediante l’uso di procedure.
 
In questo caso l’impegno cognitivo è più elevato e implica un certo ragionamento.

Knowledge-based behaviour

È il comportamento da attuare quando ci si trova in presenza di situazioni nuove o impreviste, cioè non conosciute per le quali non si conoscono delle regole o delle procedure di riferimento.
 
La persona deve reagire in modo creativo ed autonomo, ossia senza l’uso di procedure o di comportamenti istintivi, in base alle informazioni disponibili e alle conoscenze acquisite.
 
Sulla base del modello proposto da Rasmussen si individuano tre principali tipologie di errore umano:

  1. errore lapse: vuoto di memoria

    è un errore di esecuzione provocato da una dimenticanza.

    L’azione ha un risultato diverso da quello atteso a causa della memoria.

    L’errore non è direttamente osservabile.

    Il piano di azioni pensato dalla persona è corretto ma una o più delle azioni previste sono state saltate e non sono state eseguite.

  2. errore slip: dimenticanza o sbaglio involontario

    è un errore di esecuzione che si verifica a livello di abilità.

    Le azioni sono eseguite in modo diverso da come pianificato, la persona sa come dovrebbe eseguire il compito ma non lo fa e lo esegue in modo non corretto.

    L’errore è direttamente osservabile.

    In questo caso il piano di azioni pensato dalla persona è corretto ma una o più delle azioni previste sono state condotte in modo errato.

  3. errore mistake: si fanno le cose sbagliate

    l’errore non viene commesso durante l’esecuzione pratica del piano d’azione, infatti le azioni vengono svolte come pianificate, ma ci sono altri problemi che portano all’errore.

    Le azioni sono state condotte tutte correttamente ma il piano predisposto dalla persona è sbagliato.

    Per questo tipo di errore possiamo avere:

    rule-based mistakes: errori dovuti alla scelta della regola sbagliata a causa di una errata percezione della situazione, oppure sbagli nell’applicazione di una regola;

    knowledge-based mistakes: errori dovuti alla mancanza di conoscenze o alla loro non corretta applicazione.

A questi tre tipi di errori possiamo aggiungere un quarto tipo di errore: la violazione.
 
Si verificano degli errori perché si vuole accelerare un processo prendendo la scorciatoia; gli errori sono commessi per inesperienza o per eccessiva fiducia nelle proprie capacità.
 
Capire se un nostro errore è di tipo mistake, slip o lapse è molto importante poiché ci mette nella condizione di decidere cosa fare per evitare di ripetere lo stesso errore in una situazione simile.
 
Per capire la differenza tra questi tre principali tipi di errore proponiamo il seguente esercizio nel quale vengono riassunte tre diverse situazioni con lo stesso oggetto.
Ciascuna di esse esemplifica uno dei tre errori principali commessi dall’agire dell’uomo.
 
Prima situazione:
Ho intenzione di fare un regalo a mia moglie e poiché mi è sempre difficile fare dei regali in quanto non ci sono abituato, dopo molte indecisioni ho trovato qual’è il miglior regalo da farle.
Appena lei lo apre capisco dalla sua espressione che non è affatto di suo gradimento e che ci è rimasta male, anche se ha cercato di non darmelo a vedere.
 
Seconda situazione:
A Natale mio fratello ha comprato un regalo per sua moglie ed uno per me.
Appena apro il mio capiamo che mio fratello ha scambiato i due regali, e io mi ritrovo con un grazioso vestitino da sera e sua moglie con una lucente penna stilografica.
 
Terza situazione:
Mio padre rientra la sera dell’anniversario di nozze senza alcun regalo e appena vede mia madre con il muso si ricorda di essersi dimenticato di comprarle le rose rosse che si era ripromesso di fare fin dal primo mattino.
Infatti, di rientro dal lavoro ha guidato fino a casa in automatico, come fa tutte le sere, scordandosi completamente di fermarsi dal fioraio.
 
Come si vede, in tutte tre le situazioni sono stati commessi degli errori che hanno avuto delle conseguenze più o meno spiacevoli.

I tre errori sono notevolmente diversi l’uno dall’altro e rappresentano i tre principali tipi di errore che l’uomo può commettere nel suo agire.
 
Infatti, le tre situazioni possono essere proiettate nell’insieme dell’agire umano:

  • nei rapporti sociali con le altre persone
  • nell’esercizio della propria professione
  • nell’utilizzo di un elettrodomestico o del PC
  • nell’utilizzo di un impianto o attrezzatura industriale.

Avete capito a quale delle tre tipologie di errore descritte all’inizio corrisponde ciascuna delle situazioni descritte?

  • Nella prima situazione, io ho eseguito correttamente tutte le azioni previste nel mio piano, però il mio piano era sbagliato in quanto avevo scelto il regalo errato per mia moglie.

    Ho perciò commesso un errore di tipo mistake.

  • Nella seconda situazione, il piano di azione di mio fratello era corretto, ma una delle azioni da lui condotte era sbagliata, avendo erroneamente scambiato i due regali.

    Questo è un tipico errore slip.

  • Nella terza situazione, il piano di mio padre era corretto ma lui ha saltato una delle azioni previste nel suo piano, si è dimenticato di fermarsi dal fioraio.

    L’errore commesso da mio padre è di tipo lapse.

Con questo semplice esercizio abbiamo capito la differenza tra i tre principali tipi di errore, ora dobbiamo analizzare quale errore commettiamo più frequentemente.
 
Se gli errori che commettiamo solitamente sono di tipo mistake, significa che i piani di azione che attiviamo non sono fatti bene, sono errati.
 
E’ probabile che ci manchino le giuste e complete conoscenze per svolgere bene il nostro compito e raggiungere l’obiettivo che ci siamo prefissi, oppure che esse non siano abbastanza dettagliate e sviluppate, oppure che le nostre conoscenze siano errate.
 
Per ridurre o eliminare l’errore di tipo mistake dobbiamo impegnarci a migliorare le nostre conoscenze, dobbiamo studiare, prepararci meglio e addestrarci maggiormente su quel compito.
 
Se invece gli errori che commettiamo sono di tipo lapse o slip, significa che abbiamo le giuste e complete conoscenze per svolgere il nostro compito ma dobbiamo essere più concentrati su quello che facciamo, dobbiamo ridurre le distrazioni e aumentare l’attenzione e il riposo.
 
Infatti, all’origine degli errori di tipo slip e lapse vi sono le eccessive distrazioni, l’affaticamento, la fretta, l’eccessivo carico di lavoro, la deconcentrazione e lo stress.
 
Possiamo concludere che non basta suddividere e classificare gli errori che commettiamo per evitarli, ma questo è un primo passo per mettere in atto le soluzioni migliori per prevenirli, come la formazione adeguata e l’addestramento, oppure l’attenzione e il riposo, ecc.
 
Se vuoi, puoi fare questo esercizio e verificare  la soluzione lasciando le tue risposte nei commenti :

  • Prima situazione:

    in una fabbrica di biscotti, al momento del confezionamento l’operatore si accorge che tutti i biscotti al cioccolato presentano uno strano colore scuro.

    E’ successo che durante il turno notturno l’operatore di impianto si è dimenticato di regolare la temperatura del forno di cottura finale e i biscotti si sono bruciati.

  • Seconda situazione:

    durante la preparazione del materiale di stampaggio per la realizzazione degli pneumatici, il capo reparto si accorge che anziché essere di colore nero, il materiale che gli è stato consegnato si presenta di un bianco candido.

    Interpellato il nuovo magazziniere scopre che anziché prelevare la scatola con l’etichetta pneumatici, aveva prelevato quella con l’etichetta gomme.

  • Terza situazione:

    nel reparto controllo qualità finale della fabbrica di calzature, gli operatori sono euforici in quanto nell’aprire delle confezioni di “scarponcini da uomo” pronte per la spedizione, trovano delle graziose scarpe verdi con tacco a spillo.

    L’operatore addetto al confezionamento aveva invertito i dispenser con le etichette adesive.

 

immagine: FreeDigitalPhotos.net

Grazie per averci letto!

Vuoi continuare a crescere ed a migliorare la tua vita privata e professionale?

Qui troverai altri contenuti, idee, esperienze e informazioni per imparare da ciò che funziona perché già provato da altri, così puoi risparmiare tempo ed evitare fallimenti.

Ciao e alla prossima lettura!

2 thoughts on “Conoscere le tre tipologie di errori umani per imparare da essi”

  1. Mara scrive:

    1° Mistakes
    2°lapse
    3°slip

  2. vittorio scrive:

    Mara,
    mi dispiace ma non è corretto, solo 1 risposta è giusta.
    Riprova.

    Vittorio

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

:D :-) :( :o 8O :? 8) :lol: :x :P :oops: :cry: :evil: :twisted: :roll: :wink: :!: :?: :idea: :arrow: :| :mrgreen:
Loading Facebook Comments ...