Per capire se mente verifica le 6 posizioni degli occhi e il pensiero correlato

di vittorio
20 commenti

Dallo sguardo e dal movimento degli occhi di una persona si può capire a cosa sta pensando.
In questo articolo presentiamo uno schema sintetico delle 6 posizioni degli occhi e del pensiero correlato. Esiste una connessione neurologica tra il cervello ed il movimento degli occhi, come analizzato anche dalla PNL. Per i destrorsi, l’emisfero destro del cervello è quello non dominante che permette l’elaborazione della fantasia, della creatività e dell’intuizione.

L’emisfero sinistro è quello dominante, dedicato all’elaborazione, alla logica ed alla razionalità.
Per i mancini le funzioni sono invertite.

 

Osservando i movimenti degli occhi del nostro interlocutore siamo in grado di capire cosa sta pensando. La sequenza con cui si muovono gli occhi permette di dedurre la sua strategia.

Lo schema sotto riassume le sei posizioni dell’occhio ed il pensiero correlato.
Lo schema si applica ai destrorsi, mentre per i mancini deve essere invertito.

 la posizione degli occhi

 

 

Dal punto di vista del soggetto osservato lo schema può essere rappresentato come segue:

 

PNL posizione degli occhi e pensiero correlato

 

 

VISIVO COSTRUITO ( alto Dx ) Se gli occhi vengono rivolti in alto verso destra significa che la persona sta inventando una nuova immagine. Si tratta di qualcosa di inventato e non di ricordato. Se chiedete a qualcuno di immaginare un cielo verde con nuvole rosse dovrebbe guardare in alto a destra.

 

VISIVO RICORDATO ( alto Sx ) Se gli occhi vengono rivolti verso l’alto a sinistra significa che la persona sta ricordando un’immagine. Il cervello di questa persona sta visualizzando oggetti, colori, movimenti ed altre informazioni visuali che riguardano la conversazione. Se volete vedere qualcuno fare questo una buona domanda da fare è, “di colore è la tua auto?”.

 

AUDITIVO COSTRUITO ( centro Dx ) Se gli occhi vengono rivolti al centro a destra significa che la persona sta cercando un nuovo suono come potrebbe essere il tono della voce da utilizzare per dire una certa cosa. Chiedete a qualcuno di immaginare il suono del clacson di una macchina sott’acqua e questo guarderà a destra.

 

AUDITIVO RICORDATO ( centro Sx ) Se gli occhi vengono rivolti al centro a sinistra significa che la persona sta ricordando un suono. La persona potrebbe ricordare una canzone, il suono di una voce o un particolare rumore. Se chiedete a qualcuno di pensare al suono della sua sveglia, questi dovrebbe guardare a sinistra.

 

CINESTESICO ( basso Dx ) Se gli occhi vengono rivolti verso il basso a destra significa che la persona sta provando una sensazione. Spesso, quando le persone dicono “mi sento…” guadano in basso a destra e, da questo, possiamo capire se stanno realmente provando un sentimento.

 

DIALOGO INTERNO ( basso Sx ) Se gli occhi vengono rivolti verso il basso a sinistra significa che la persona sta dialogando con se stessa come quando ci si dice qualcosa fra se e se.
Significa che la persona sta riflettendo, si sta ponendo delle domande, sta progettando qualcosa.

Un eccessivo dialogo interno significa che la persona non sta seguendo il dialogo ma è sopra pensiero, troppo intenta a se stessa sia in senso positivo (la persona pensa che è stata brava a fare una certa cosa) che in senso negativo (la persona pensa che non ce la farà).
Per uscire dallo stato di dialogo interno è sufficiente alzare gli occhi e porre attenzione a qualcos’altro.

 

 

Ma allora, come puoi capire se una persona ti sta mentendo?

Per capire se una persona ti sta raccontando qualcosa che è realmente accaduto, che ha realmente visto o sentito o se invece sta inventando tutto, è sufficiente che osservi la posizione dei suoi occhi.
Infatti, se una persona (destrorsa) ti sta dicendo che ha visto un certo evento e sta posizionando gli occhi in alto alla sua destra, allora sta visualizzando un evento che non è ancora accaduto, lo sta costruendo, lo sta immaginando.

Quindi non si tratta di una cosa ricordata ma di una cosa inventata, perciò quella persona sta mentendo.

 

Analogamente per le altre posizioni degli occhi, come abbiamo approfondito in “Quello che diciamo con gli occhi e sveliamo con i sensi“, dove facciamo molti altri esempi utili per capire quando una persona mente.

 

Scarica gratis il nostro libro cliccando qui sotto, scoprirai come capire se una persona ti sta mentendo,  troverai una potente strategia per migliorare la comunicazione e le relazioni con gli altri.
Scoprirai come trasformare il tuo rapporto di coppia, il rapporto con i tuoi figli o con i tuoi collaboratori ed imparerai anche come fare per motivare le persone.

Scarica Ora
Scarica Gratis
QUELLO CHE DICIAMO CON GLI OCCHI - E SVELIAMO CON I SENSI
Scarica il libro e scopri come utilizzare i sensi e la posizione degli occhi per migliorare le tue relazioni e capire se una persona sta mentendo

 

Abbiamo appena visto quanto sia davvero importante conoscere i meccanismi che governano la nostra mente ed i nostri comportamenti per riuscire a gestire un buon processo comunicativo.
Conoscere come i 5 sensi ed i relativi sistemi rappresentativi intervengano nei nostri processi comunicativi rappresenta la base, il punto di partenza per riuscire ad avere delle buone relazioni.

 

Puoi  scoprire gli altri fattori che influenzano i tuoi processi comunicativi   in Come la tua crescita personale aumenta la tua felicità” , dove esploriamo i metodi e le strategie per raggiungere un maggiore stato di benessere e di felicità.

 

Si tratta di un processo di miglioramento che non è automatico, richiede metodo, impegno e conoscenza delle giuste strategie.
Le stesse strategie che abbiamo sperimentato personalmente e che hanno funzionato su di noi e sulle persone a noi vicine che hanno scelto di applicarle.

 

Se ti interessa metterti in gioco e trovare un modo migliore di comunicare con il tuo partner, con i tuoi figli, con i tuoi collaboratori o con i tuoi amici, nella tua vita migliore” trovi un METODO che ti guida passo passo.

Ne “la tua via migliore” se vuoi, puoi scoprire i metodi e le strategie di chi riesce a vivere una vita più consapevole e felice, evitando di commettere molti errori che tutti noi facciamo.

Un buon percorso di crescita personale ti aiuta a credere in te, a superare le tue debolezze e a vincere le paure e le ansie.
Lo puoi utilizzare ogni volta che hai bisogno di trovare la motivazione, la fiducia in te, eliminare l’ansia, rilassarti, ritrovare l’energia quando ti senti giù di morale.

 

Ma lo puoi utilizzare anche per imparare a comunicare meglio con il tuo partner, con i colleghi, con il capo, con i tuoi figli. Per saperne di più clicca qui.
Sì, proprio così: devi impegnarti per raggiungere la tua felicità!

Un percorso di crescita personale può essere considerato una evoluzione personale che  ti richiede di uscire dalla tua zona di comfort e di gestire situazioni che generano disagio e che ti obbligano a rimettere in discussione le tue credenze, certezze e abitudini.

 

Ma i risultati che otterrai dal tuo percorso di crescita personale ti permetteranno di vivere una vita più soddisfacente e ricca di gioie, una vita più entusiasmante ed intensa in quanto avrai capito anche l’importanza del tuo tempo.

La crescita personale ti fornisce delle strategie di grande aiuto per superare le tue debolezze, per vincere le tue paure e le tue ansie e per mantenere un migliore equilibrio tra la tua vita privata e quella  professionale.
Scoprile in “Come la tua crescita personale aumenta la tua felicità.

Molte persone continuano a fare ogni giorno le stesse cose, rimangono ferme davanti al mondo che cambia, in attesa che un giorno succeda qualcosa che cambi le loro vite e, come diceva Einstein:

“solo un pazzo può pensare che il risultato cambi facendo sempre le stesse cose”.

Beh, per questo tipo di persone il momento giusto per fare qualcosa sarà sempre e soltanto domani.


Se invece tu sei un tipo di persona che vuole adattarsi al mondo, che non vuole fare sempre le stesse cose, allora crescita personale significa cambiare, come potrai scoprire in  “LA TUA VITA MIGLIORE”.

 

leggi questo articolo in Inglese

Immagine: FreeDigitalPhotos.net

Scarica Ora
Scarica Gratis
QUELLO CHE DICIAMO CON GLI OCCHI - E SVELIAMO CON I SENSI
Scarica il libro e scopri come utilizzare i sensi e la posizione degli occhi per migliorare la tua comunicazione e per capire se una persona mente

 

0 0 vote
Article Rating

Scelti per te

Subscribe
Notificami
guest
20 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Patrizia
Patrizia
1 anno fa

Parlando con l’uomo che mi piace,si stava parlando di mangiare le lumache,allora io le ho detto,pensa che quelli che hanno l’ulcera le devono mangiare vive,io facendo un po’ una faccia schifata,e lui mi ha risposto,se avessi male le mangeresti,con uno sguardo fulminante,io essendo timida,le ho risposto sì abbassando lo sguardo a destra,però che in realtà volevo dire no,poi più tardi stava raccontando con me e un altro ragazzo della sua vita privata e diceva,sai a quell’età hai voglia di sposarti e fare una famiglia,e mentre lo diceva ha abbassato lo sguardo verso destra.A fine serata,io e il ragazzo di prima,siamo… Leggi il resto »

Davide
Davide
2 anni fa

Io faccio parte di quella piccola cerchia degli ambidestri puri, giro gli occhi dove capita perché uso entrambi gli emisferi contemporaneamente, in tutti e sei i casi.

Fabio
Fabio
3 anni fa

Grazie

Perché io per ricordare intendevo mentalmente
non pensavo che era una cosa degli occhi
in un video ho sentito che l’area della volontà accede al ricordo e gli occhi fanno il resto

Fabio
Fabio
3 anni fa

Ma questi trucchi degli occhi possono essere usati per fare la ricapitolazione tolteca? Cioè nella ricapitolazione o si ricordano o si costruiscono scene del passato con tutte le sensazioni cinestetiche

si può usare questa cosa in quest’ottica?

Fabio
Fabio
2 anni fa
Reply to  vittorio

quindi ricapitolando devo usare l’auditivo e il visivo ricordato
il cinestetico e anche il dialogo interiore? Ma non va fermato il dialogo interiore?
Grazie per la risposta e per l’eventuale nuova

Fabio
Fabio
2 anni fa
Reply to  Fabio

comunque lo schema sta funzionando. RIspetto a un anno fa quando ho chiesto l’aiuto solo ora sto applicando perchè mi ero perso in altri esperimenti ma anche su un forum di spiritualità un tizio che parla molto di ricapitolazione ha esposto lo schema della pnl comunque io mi concentro sul visivo, auditivo, cinestetico e dialogo interiore. Ci vuole un po’ di tempo ma man mano i ricordi di sbloccano e io muovo il punto di unione nella posizione prima dell’evento. Chissà se posso tornare come ero bimbo facendo una ricapitolazione completa. Devo solo armarmi di serietà, pazienza e perserveranza e… Leggi il resto »

Fabio
Fabio
2 anni fa
Reply to  vittorio

ciao mi sei di grande aiuto
ancora una cosa
ho notato che quando gioco ad un videogioco e mi concentro su tutte le percezioni dei sensi sia ricordato che costruito ma non riesco a capire se sono queste qui oppure è il cinestetico io comunque mi concentro sulle percezioni raccolte dagli occhi allora quando gioco noto che posso dirigere l’attenzione come voglio io e recuperare un sacco di energia. E’ come se mi connettessi al divino in qualche modo
come lo spieghi?

Fabio
Fabio
2 anni fa
Reply to  Fabio

confermo
vorrei ringraziare ancora per questo sito
io uso tutte e 5 le direzioni
ricordato visivo e auditivo,
costruito visivo e auditivo
e sensazioni
per il videogioco
e ho notato che il punto di unione come lo chiamavano i toltechi si sposta bene è una cosa che facevo nel 2011 che poi ho perso

il dialogo interiore lo sto ancora imparando a padroneggiare
è per non cadere nel troppo sovrappensiero

Fabio
Fabio
2 anni fa
Reply to  vittorio

grazie ancora mi sto allenando con un gioco a percepire le sensazioni ci sono molti modi per fare la ricapitolazione ma non tutti sono potenti come quello che consiglia la pnl con gli occhi allora io uso le senazioni, il visivo ricordato ora passo in rassegna anche altri punti poi ti faccio sapere. La pnl mi ha salvato una volta e mi può salvare ancora ma la cosa più importante è capire lo spostamento del punto di unione al momento che inizi a ricordare o a percepire le sensazioni mi sto allenando tra l’altro la pnl è vista male dalla… Leggi il resto »

Fabio
Fabio
2 anni fa
Reply to  Fabio

comunque a quanto pare ho capito il meccanismo che viene descritto in tensegrità
io ricapitolo e quindi dalla ricapitolazione sviluppo l’intento che poi posso esercitare nelle varie attività umane tipo lavoro, giocare
inoltre l’intento si sviluppa anche mangiando e bevendo

Giovanni
Giovanni
3 anni fa

Salve vorrei chiedere una cosa allora ho capito che in base a dove poni lo sguardo si capisce cosa potresti pensare ok ma mi chiedo ad esempio se io dicessi una bugia il mio sguardo andrebbe in alto a destra giusto? Ma sarebbe per una frazione di secondo o per un tempo prolungato?

senza
senza
3 anni fa

Secondo me e difficile trovare la verita attraverso gli occhi ,ma non si puo solo badare su suposizioni di teoria neuroscentifica il fato del movimento occulare sia uno schema dedoto e troppo superficiale ,bisognerebbe averne comferma da piu azioni .

Alex
4 anni fa

Grazie mille, fantastico articolo. Ora mi studierò ben bene questa mappetta 🙂

trackback

[…] stesso concerto può essere descritto con aggettivi molto diversi: toccante e travolgente (per il cinestesico) oppure assordante, roboante o clamoroso (per l’auditivo), spettacolare, immenso e ricco di […]

20
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x